CITTA' e MUSEI LUOGHI IN EUROPA Portogallo

COIMBRA:
cosa vedere in un giorno

Coimbra cosa vedere

COIMBRA: COSA VEDERE IN UN GIORNO

Coimbra è una delle città più importanti del Portogallo, soprattutto per la sua fama di città universitaria per eccellenza, che si è guadagnata nel corso degli anni. La fondazione dell’università, la cui sede originaria era a Lisbona, risale al 1290 ed è preceduta solo da quelle di Bologna e Firenze.

Nel XII secolo Lisbona era già divisa in città alta, dove vivevano i nobili e il clero, e in città bassa, dove vivevano artigiani e commercianti. Quando la sede dell’università venne trasferita da Lisbona a Coimbra, la città alta fu invasa da studenti e intellettuali.

Coimbra la si può raggiungere in treno o in autobus da Lisbona, oppure con auto a noleggio, come nel nostro caso. Siamo arrivati in città la sera precedente e abbiamo alloggiato in un hotel del centro che ci ha permesso di parcheggiare l’auto, e di raggiungere le varie attrazioni il mattino seguente comodamente a piedi in 10 minuti (500 mt.)

COIMBRA: cosa vedere

coimbra cosa vedere
Coimbra: il nostro itinerario

TIP⇒ Questo itinerario può essere fatto interamente a piedi oppure, se vuoi evitare la salita che parte dalla città bassa, presso l’Arco de Almedina, verso la città alta, puoi pensare di prendere, con pochi euro, l’ascensore panoramico “Elevador do Mercado”; la tipica e ripidissima Rua Quebra Costas puoi vederla al ritorno, così rimane in discesa. Il mercato cittadino si trova proprio qui.

Praca 8 de Maio e Igreja de Santa Cruz

Come vedi dalla cartina sopra, dall’hotel Tivoli impieghi davvero pochissimo tempo per raggiungere la piazza principale del centro a piedi. Si tratta della Praca 8 Maio, molto ampia e ariosa, che ospita diversi edifici del XVI e XVII secolo, e la chiesa di Santa Cruz, dove sono sepolti i primi due re del Portogallo: Enriques e Sancho I. Questo perché la capitale del Portogallo a quel tempo era proprio Coimbra.

L’interno è favoloso e impressionante al tempo stesso: chiavi di volta al soffitto, scenografiche piastrelle azulejos blu, illustranti la storia del Portogallo, e un complesso organo con ornamenti giapponesi a 4000 canne che può essere suonato soltanto da quattro persone.

Praca 8 Maio Coimbra
Praca 8 Maio

Di fianco al monastero, sulla destra, trovi il Cafè Santa Cruz, uno dei più bei caffè storici del Portogallo: si possono assaggiare dolci conventuali che non si trovano da nessun altra parte, come il Cruzio, fatto di uova, mandorle, caramelle e latri ingredienti segreti. In precisi giorni questo caffè offre anche spettacoli di Fado.

Arco de Almedina e Rua de Quebra Costas

Proseguendo oltre troverai ad un certo punto un arco, “l’Arco de Almedina“, che un tempo costituiva l’accesso principale alla città vecchia. Salendo da lì ci si immette nella Rua de Quebra Costas, una strada davvero ripida ma molto suggestiva e particolare. La parola Quebracostas significa letteralmente”spezzafianchi”: in effetti questa via, che sale fino alla città alta, è una trama ritorta di strade, vicoli angusti e lastricata, patii, archi medievali e scalinate.

Lungo il cammino incontrerai la “Tricana“, la donna di Coimbra: figura emblematica della città dalla fine del XIX secolo. Presente in gran parte della letteratura portoghese, è anche ripresa dai gruppi folcloristici della regione.

Università di Coimbra

La maggior attrazione della parte alta di Coimbra è senza dubbio la Velha Universidade, che si dispone attorno alla Piazza dell’Università. E’ stata fondata dal re Dinis nel 1290, alternandosi tra Coimbra e Lisbona e stabilendosi definitivamente a Coimbra nel 1537. E’ una delle università più antiche d’Europa. Verso il 1920 è iniziata la costruzione del Polo II dedicato alle Scienze e alle Tecnologie, composto da edifici firmati da nomi importanti dell’architettura portoghese contemporanea. Il Polo III, dedicato alle Scienze della Salute, ha cominciato ad essere costruito nel 2001, ed è considerato oggi come una delle più grandi aree di assistenza sanitaria in Europa.

La protagonista dell’area è senz’altro la Torre dell’Orologio, il cui rintocco è temuto dalle matricole: pare che quando l’orologio coi suoi rintocchi segna la fine degli studi, gli allievi veterani iniziano una vera e propria caccia alle matricole.

Durante l’anno accademico si vedono gli studenti che passeggiano per le strade vestiti di nero coi loro mantelli svolazzanti, a creare un’atmosfera alla Harry Potter.

Sala dos Capelos

All’interno del complesso merita la “Sala dos Capelos“, la sala delle toghe, all’interno del “Paco Das Escolas”, il Palazzo delle Scuole: è in questa sala che hanno luogo l’insediamento del Rettore. l’aperture solenne dell’anno accademico, i dottorati Honoris Causa. Intorno alla sala è possibile ammirare i ritratti di quasi tutti i re portoghesi.

Università di Coimbra
Sala dos Capelos – Università di Coimbra

Biblioteca Joanina

Inoltre è possibile visitare anche la Biblioteca Joanina, voluta da Joao V, ritenuta una delle più belle biblioteche del mondo grazie alla sua forma e ricchezza decorativa barocca, sia grazie al suo prezioso fondo bibliografico composto da circa 60.000 volumi di filosofia, teologia e giurisprudenza rilegati in pelle, dal XVI al XVIII secolo, che ancora oggi possono essere consultati. L’arredo della biblioteca è originale: decorazioni parietali bizzarre, oggetti cinesi e sontuosi tavoli di palissandro.

Noi siamo rimasti semplicemente sbigottiti dalla tanta bellezza di questa biblioteca, mentre il resto del complesso a nostro giudizio è carino, ma ha leggermente deluso le aspettative: ci aspettavamo qualcosa di più sontuoso a livello del complesso generale, non solo per la biblioteca! Però questo è solo un nostro pensiero.

Le foto all’interno della biblioteca sono proibite.

Per info sulle tipologie di biglietto, sugli orari di apertura e chiusura, consulta il sito ufficiale dell’Università di Coimbra.

Musei

Col biglietto per visitare l’università è incluso anche quello per il Museo di Storia Naturale e quello delle Scienze, che si trovano uno di fronte all’altro vicino alla cattedrale Sè Nova, a pochi minuti a piedi dall’Ateneo.

Sè Velha

Tornando verso l’Arco de Almedina percorso all’andata di questo itinerario a piedi, incontri la “Sè Velha”, la cattedrale vecchia di Coimbra, risalente al XII secolo quando ancora incombeva la minaccia moresca: per questo si presenta molto più simile ad una fortezza che ad una chiesa. Il portale è Rinascimentale.

Sè Velha Coimbra
Sè Velha Coimbra

COIMBRA: dove mangiare

Pausa pranzo: Luca Restaurante

Dopo essere ritornati alla Baixa (centro), ci siamo diretti in Praca do Comercio dove abbiamo pranzato da Luca: piccolo localino con personale super gentile; qualità del cibo talmente buona, che abbiamo deciso di tornare anche per la cena. I prezzi sono decisamente economici: 15, 50 Euro in due a pranzo, mentre la cena 23,90 sempre in due (prezzi 2018).

COIMBRA: COSA VEDERE NEL POMERIGGIO

Largo de Portagem

Nel pomeriggio, riprendendo la via principale dei negozi, Rua Ferreira Borges, in direzione opposta alla piazza Praca 8 Maio, raggiungiamo Largo Portagem, un ampia e ariosa piazza circondata dagli edifici più rappresentativi di Coimbra come il Banco de Portugal e l’Hotel Astoria, oltre che da bar e caffetterie.

Attraversando la strada si arriva sul ponte Santa Clara, che conduce in un’altra area della città dove trovi un parco tematico per bambini e altri due monasteri interessanti. Dal ponte è bellissimo ammirare tutto lo skyline di Coimbra (prima foto in alto a questo post).

Monastero di Santa Clara a Velha

Il convento di Santa Clara a Velha, risalente al XIV secolo, fu edificato per volere di Isabella di Aragona, la Regina Santa. Si trova lungo la riva sinistra del fiume Mondego: se da una parte l’acqua costituiva una grande risorsa per la comunità monastica che ci viveva, dall’altra le frequenti inondazioni che si verificavano, rendevano la vita dentro le mura insopportabile. Per questo motivo nel 1677 venne definitivamente abbandonato, per costruirne uno nuovo in Monte Esperanca, in una posizione più alta (Monastero di Santa Clara a Nova). Solo recentemente è stato ristrutturato e riaperto al pubblico: noi l’abbiamo visto solo esternamente passando dalla strada.

Per info sugli orari di apertura, clicca sul link qui sopra in rosa.

Convento Santa Clara a Velha Coimbra
Convento Santa Clara a Velha Coimbra
Convento di Santa Clara a Nova

Posto in una posizione più elevata rispetto al convento di Santa Clara a Velha, è interamente dedicato alla memoria della regina Isabella, sposa del re Dinis. Venne chiamata santa perché era solita aiutare i poveri e i bisognosi. Richiamata dal re a causa dell’indignazione di un suddito che l’aveva vista distribuire pane e cure ai poveri, le chiese di mostrare cosa nascondeva sotto le vesti: lei tirò fuori solo fresche rose bianche. Il re da quel momento le chiese profondamente scusa, e lei potè continuare nella sua opera, finché venne santificata.

Per raggiungerlo bisogna proseguire dritto dal ponte finché ti trovi davanti il Convento di San Francesco; prendi la stradina stretta alla sua destra e dopo qualche minuto ti trovi sul piazzale del convento. Il luogo è di grande pace e domina una meravigliosa vista sulla città. Molto bella la statua della regina Isabella rivolta verso la città.

L’entrata è a pagamento: non ricordo ora esattamente la cifra, ma non era economica. Ci hanno accompagnati attraverso la chiesa, il coro, il Museo delle Reliquie ed infine il chiostro.

La chiesa è tetra, con poca luce ma è meravigliosa con il suo stile Barocco, ma quello che ci ha impressionato è l’altare maggiore in legno dorato e minuziosamente lavorato, che ospita il sepolcro della Santa.

Il coro è una sala antica dove sono custodite statue antiche ed è utilizzata ancora oggi dalle monache per assistere alle funzioni religiose.

Nel Museo vengono conservati diversi oggetti in teche di vetro appartenenti alla santa.

Il chiostro è una delle aree che abbiamo apprezzato di più per la pace, il verde, il silenzio e la bellezza antica che questo luogo sprigiona.

Convento Santa Clara a Nova Coimbra
Chiostro Convento Santa Clara a Nova Coimbra
Portugal dos Pequenitos

Luogo ideale per chi viaggia con bambini: il primo parco tematico del Portogallo che si pone l’obiettivo di far conoscere in maniera semplice la città di Coimbra ai più piccoli. Non solo, anche tutti i luoghi più caratteristici del Portogallo come monumenti, abitazioni tradizionali, attrazioni che fanno parte del Patrimonio Unesco. Tutto è riprodotto in miniatura.

Portugal dos Pequenitos Coimbra
Portugal dos Pequenitos Coimbra

Il parco celebra inoltre il passato coloniale del Portogallo con luoghi e monumenti delle ex colonie dove ancora si parla il portoghese: Mozambico, Angola, Brasile, Timor, India e Macao.

Per informazioni su orari e prezzi consulta il sito ufficiale Portugal dos Pequenitos: a noi era parso un pò caro; nel 2018 eravamo sui 10 euro a testa per gli adulti e qualcosa in meno per i bambini. Siccome eravamo in coppia, abbiamo bypassato.

PARCHI E SPAZI VERDI

Parque verde do Mondego

Il Parque verde do Mondego, con il suo orso gigante, la maggiore attrattiva per i più piccoli, nasce per la riqualificazione e la valorizzazione delle rive del fiume. Si tratta di 400.000 mq di giardini, piste ciclabili, aree gioco, ma anche strutture come caffetterie e ristoranti.

Parco verde del Mondego Coimbra
Parco verde del Mondego Coimbra – foto dal web

Jardim Botanico

Situato nel cuore del centro storico, il Giardino Botanico presenta un’ampia varietà di piante rare, fiori e alberi provenienti da diverse parti del mondo. Puoi passeggiare tra vialetti, fontane e il profumo dei fiori e visitare le aree più interessanti come la Sierra Grande, con piante tropicali, l’Angolo tropicale con le palme, la Stufa Fredda, con piante adatte ai climi umidi, e il Boschetto di Bambù.

Giardino Botanico Coimbra
Giardino Botanico Coimbra – foto dal web

Questi parchi ti permetteranno di trascorrere un momento in assoluto relax dopo il tour della città.

COIMBRA: DOVE DORMIRE

Noi abbiamo alloggiato al Tivoli di Coimbra, un hotel molto comodo per la posizione: ti permette di lasciare l’auto al parcheggio privato e di girare la città comodamente a piedi. Leggi la mia recensione su Hotel Tivoli Coimbra.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: il nostro tour del Portogallo di dieci giorni da Porto a Lisbona in fai da te.

Grazie per aver letto fin qui. Se l’articolo ti è stato utile, potresti ricompensare il mio impegno, volto a darti info più chiare e complete possibili, lasciando qui sotto un commento. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *