ITINERARI ITINERARI IN EUROPA

VIAGGIO IN PORTOGALLO:
cosa vedere in 10 giorni in fai da te

viaggio in portogallo cosa vedere

VIAGGIO IN PORTOGALLO – COSA VEDERE (MARZO 2018)

viaggio in portogallo cosa vedere
viaggio in portogallo: il nostro itinerario tappa per tappa

ITINERARIO TAPPA PER TAPPA

GIORNO 1: volo da Milano per Porto la mattina presto. Pomeriggio visita di Porto.

GIORNO 2: partenza da Porto col treno per visitare la cittadina di Guimaraes e nel pomeriggio visita alla collina di Pena con la funivia.

GIORNO 3: Porto e ritiro auto verso sera.

GIORNO 4: spostamento a Coimbra con visita all’intera città.

GIORNO 5: partenza al mattino per visitare Aveiro, La “Venezia del Portogallo” e le bellissime case a strisce colorate di Costa Nova. Arrivo a Tomar in serata.

GIORNO 6: itinerario dei Monasteri: Tomar – Batalha – Alcobaca e visita a Nazarè in serata dove ci fermiamo anche per la notte.

GIORNO 7: visita alla caratteristica cittadina di Obìdos e in tarda mattinata trasferimento a Lisbona. Nel pomeriggio gita a Cacillhas per visitare il Cristo Rei.

GIORNO 8: giornata dedicata interamente alla visita dei quartieri bassi di Lisbona (Baixa, Chiado) e Lx Factory

GIORNO 9: partenza la mattina col treno per Sintra, e verso sera Cabo da Roca.

GIORNO 10: partenza al mattino in tram per la zona di Belèm; pomeriggio visita ai quartieri alti: Alfama e Mouraria. Cena in un locale tipico per assistere ad uno spettacolo di Fado.

GIORNO 11: al mattino giro in un tram caratteristico per provare l’ebbrezza di essere a bordo di un mezzo di trasporto caratteristco e relax in Piazza del Commercio. Tardo pomeriggio volo di rientro verso Milano.

SEGUIRANNO MAN MANO POST DETTAGLIATI SUI VARI LUOGHI CITATI QUI SOPRA

PERCHE’ SCEGLIERE QUESTA META

meta vicino all’Italia (2 ore e mezza di volo);


viaggio decisamente low-cost (Lisbona è leggermente più in linea coi nostri prezzi, ma al nord la vita costa davvero poco);

si fatica a scegliere cosa includere nel tour perchè la zona da Porto a Lisbona è intrisa di bellezze culturali e religiose, cittadine medievali, vivaci località di mare e zone selvagge e rocciose a picco sul mare. E’ facile quindi in un’unica vacanza coniugare cultura, religiosità, natura e vita di città: in base ai tuoi gusti, puoi sceglierti il percorso più adatto;


temperature generalmente gradevoli tutto l’anno, sicchè puoi decidere di andarci anche fuori stagione evitando di trovare eccessivo affollamento, soprattutto nei luoghi di interesse, e riuscendo ad evitare anche il troppo caldo dell’estate. Ovviamente questi consigli valgono per il tour che ti sto indicando; se vuoi andare in Algarve per fare vita da mare, allora è meglio d’estate soprattutto per la temperatura dell’acqua piuttosto bassa trattandosi di oceano.

QUAL E’ IL PERIODO MIGLIORE

Come dicevo sopra, il clima è abbastanza buono durante tutto l’anno: grazie alle correnti oceaniche sulla costa si ha un clima più mite rispetto all’entroterra dove è più rigido. Il nord solitamente è più piovoso e più freddino rispetto al sud più soleggiato e più arido. L’inverno va da dicembre a febbraio/marzo e non ti nascondo che il rischio di trovare giorni di pioggia o forte vento c’è. Noi siamo stati dal 16 al 26 marzo 2018 e ho patito un freddo e un vento che non ti immagini, la gente del posto dice però che non è mai successo: probabilmente quest’anno è stato particolarmente freddo in tutta Europa per via della tanta neve che è scesa! Devo dire però che di pioggia ne ho presa davvero poca e nei momenti giusti per noi (durante la notte, al mattino presto mezz’oretta, durante un trasferimento, stop). Pioggia tutto il giorno, ma fine fine nemmeno da ombrello, l’abbiamo trovata solo un giorno a Lisbona.

GIRARE IL PORTOGALLO: quali mezzi

auto a noleggio per 4 giorni per spostarci da Porto a Lisbona: ti consiglio di portare con te un navigatore. Guidare in Portogallo non è difficile: le autostrade scorrevoli e dritte, inoltre i posti che sono descritti in questo tour non distano tanto l’uno dall’altro. Fai conto che la distanza più lunga che abbiamo percorso in questi 10 giorni di viaggio è stata da Obìdos a Lisbona (84 km – circa 1 ora di autostrada). Tanti preferiscono fare le strade non a pagamento ma sappi che rendono meno, quindi ciò che risparmi in denaro lo butti nel tempo, secondo me. Guidare nelle città invece non te lo consiglio proprio: entraci giusto per raggiungere l’hotel con l’aiuto del navigatore, e lascia la macchina lì per tutto il tempo che hai programmato di stare in città.

treno per raggiungere Guimaraes da Porto e Sintra da Lisbona;


metropolitana, tram e bus per spostamenti in città sia a Porto che a Lisbona: per girare nelle due città con i mezzi pubblici, ecco i link della LISBOA CARD e VIVA VIAGEM per Lisbona e della PORTO CARD per Porto

COME CI SIAMO ORGANIZZATI

Abbiamo prenotato subito il volo, circa due mesi e mezzo prima, per trovare delle buone tariffe direttamente sul sito di Ryanair.

Abbiamo poi prenotato il noleggio auto con Europcar sempre prima di partire, con l’opzione dropp-off: vale a dire che abbiamo deciso di prendere la macchina a Porto e riconsegnarla a Lisbona. Questo comporta un pagamento di circa 80 euro perchè la riconsegna non avviene nella stessa città di presa, ma se consideri che dovresti altrimenti ritornare a Porto con ulteriore spreco di benzina e di tempo, secondo me varrebbe la pena fare le cose un pò più tranquillamente che tanto il risparmio è poco. Alcune dritte se noleggi da Europcar:

  • controlla bene il contratto prima di firmare, che non ci siano costi extra oltre a quelli cha hai contemplato tu;
  • gli unici costi che dovresti aver fuori sono il telepass e l’autostrada (vedi costo totale del viaggio in fondo a questo post);
  • ti consiglio di non fumare in auto: a persone che conosco è stato chiesto un supplemento per disinfettare la macchina;
  • controlla e fai una foto al contachilometri e al quadro benzina prima di partire;
  • quando riconsegni la macchina, cerca su Google Map il benzinaio più vicino possibile al luogo dove lascerai l’auto, altrimenti ti fanno pagare un supplemento di più di 50 Euro. Per precauzione conserva lo scontrino del benzinaio in caso volessero controllare.

Di nuovo prima di partire abbiamo prenotato hotel e B&B perchè non ci piace arrivare in città ed avere la noia di cercarci pure la sistemazione togliendo così tempo prezioso alle visite. In alcuni casi abbiamo fatto solo pernottamento, dove possibile anche le colazioni. Pranzi e cene ci arrangiavamo sul posto in base a quello che volevamo spendere.

Per visitare Sintra in un solo giorno, abbiamo contattato una guida locale, Frederico di “Lighthawk Tours“, il quale dalla stazione di Sintra ci ha accompagnato per tutta la giornata facendoci scegliere, dopo avercele spiegate, quali attrazioni volevamo vedere (sono davvero una marea). A fine giornata ci ha portato anche a Cabo da Roca. Questa è un’ottima soluzione per chi come noi ha a disposizione una sola giornata e vuole farsi un’idea generale del posto senza tralasciare alcune tappe fondamentali: in un post dedicato a Sintra ti spiegherò nei dettagli tutto ciò che devi sapere. Il percorso è stato fatto a bordo di una jeep sui cui c’eravamo solo noi, per il costo di 35 euro a testa (prezzi 2018). Ti assicuro che il prezzo è onesto: noi avevamo chiesto cosa costasse lo stesso giro in ape calessino e ci hanno sparato 200 Euro: pura follia! Ricordati di prenotarlo un pò prima per assicurarti il posto: una volta fatto ciò lui ti rilascia un foglio di avvenuta prenotazione e non chiede nessuna caparra; si paga sul posto dopo il tour.


Persona gentile, cordiale, onesta e super disponibile nei nostri confronti: ha cercato di accontentarci sempre in tutto e per tutto!
Frederico Almeida Santos +351 914 417 515 e-mail: frederico.santos@lighthawktours.pt


Per quanto riguarda la visita ai tre monasteri di Batalha, Tomar e Alcobaca abbiamo acquistato il biglietto cumulativo direttamente sul posto a 15 Euro totali a testa (prezzi 2018). In tutti e tre i monasteri c’è la possibilità di fare questo tipo di biglietto in base a dove inizi il giro; noi l’abbiamo fatto a Tomar e dura circa una settimana, tempo massimo di utilizzo. Noi per questioni di tempo li abbiamo visitati in un unico giorno tutti e tre.

DOVE ABBIAMO ALLOGGIATO

PORTO (3 notti) – Casa da Figueiroa

COIMBRA (1 notte) – Hotel Tivoli CoimbraLA MIA RECENSIONE SU HOTEL TIVOLI COIMBRA

TOMAR (1 notte) – Tomar Story GuesthouseLA MIA RECENSIONE SU TOMAR STORY

NAZARE’ (1 notte) – Hotel MarèLA MIA RECENSIONE SU HOTEL MARE’

LISBONA (4 notti) – Hotel Ibis Lisboa Centro SaldanhaLA MIA RECENSIONE SU HOTEL IBIS LISBOA

COSTO TOTALE DEL VIAGGIO (10 giorni)

circa 1100 Euro per persona (prezzi 2018)
Include:

viaggio aereo a/r Ryanair con imbarco prioritario: circa 165 Euro a testa;
hotel e B&B per 10 notti solo pernottamento, a volte anche colazione: circa 350 Euro a persona;
pranzi, cene e qualche colazione per tutti e dieci i giorni nei locali che ti ho citato sopra dove non abbiamo mai speso più di 25 Euro a persona. A volte al nord in alcuni locali abbiamo pranzato benissimo con spese ridicole; una volta ci è capitato di pranzare anche al sacco;
noleggio auto per 4 giorni (loro ne contano 5 con la sera del ritiro): 65 Euro totali

  • Dropp-off : 84 Euro circa totali da pagare in loco
  • telepass x le autostrade: 7 Euro circa totali (ti chiedono loro se lo vuoi: io te lo consiglio così puoi prendere qualunque strada liberamente. Ps: in autostrada non si vedono omini per pagare)
  • pagamento autostrada prelevato direttamente dalla nostra carta di credito il mese successivo: 27 Euro circa;

assicurazione medico bagaglio e annullamento;
attrazioni principali varie nei vari luoghi di interesse. No musei.
carte di trasporto Viva Viagem di Lisbona e Andante di Porto;
qualche souvenir.

LA MIA OPINIONE

Il Portogallo on the road non è mai stato nè nei nostri sogni, nè nella nostre priorità: mai preso nemmeno lontanamente in considerazione ma solo per nostra ignoranza perchè dopo aver visto alcune foto e info sul web ho cominciato a ricredermi!

Il Portogallo mi dava l’idea di essere un paese molto anonimo ma mai aggettivo è stato così improprio: al contrario è un paese in cui non è possibile annoiarsi perchè molto ricco di opportunità diverse di visita.

Il nostro è stato un tour prevalentemente culturale, ricco di castelli, monasteri ma anche di luoghi medievali pensando alle piccole cittadine di Obìdos e Guimaraes. Tuttavia il Portogallo è anche un paese che offre degli scorci naturalistici mozzafiato come Serra Penha a Guimaraes, un vero e proprio polmone verde, oppure la selvaggia Cabo de Roca con le sue rocce a picco sul mare e lo scorcio panoramico su Nazarè dove il mare incontra infiniti chilometri di spiaggia dorata.

A volte mi è sembrato assurdo poter ritrovare la nazione nella nazione: sparse qua è là soprattutto a Porto, trovi le cabine rosse del telefono come in Inghilterra, l’Elevador di Santa Justa ricorda per il suo stile in ferro la Torre Eiffel in Francia, ma la cosa che mi ha sorpresa di più è stato trovare un pezzo di California e di Brasile al santuario del Cristo Re: qui ho potuto per un attimo rivivere l’emozione intensa provata tanti anni fa davanti al Golden Gate!

Il sentimento religioso è un altro elemento caratterizzante la cultura portoghese: lo si sente molto forte alla chiesa del Convento di Cristo a Tomar, oltre che nei vari monasteri e nelle stupende chiese sparse lungo tutto questo tratto di paese, e sicuramente a Fatima che però io non mi sono sentita di visitare.

Una nazione a sole due ore e mezza di volo dall’Italia che ha tanto da offrire e che si lascia scoprire senza richiedere grandi sforzi economici: una meta dunque adatta anche ai portafogli più piccoli; più low cost di così!

Cosa non mi è piaciuto? Niente, tranne vedere che le più belle e principali attrazioni turistiche non siano tenute benissimo: a volte i muri erano neri e il verde all’interno dei monasteri non era ben curato e pulito. Si nota che non fanno tanta opera di restauro o di rinfresco, un vero peccato perchè hanno dei patrimoni culturali incredibili e le entrate le fanno pagare non poco! Potrebbero darsi da fare un pò di più!

Grazie per aver letto fin qui. Se l’articolo ti è stato utile, potresti ricompensare il mio impegno, volto a darti info più chiare e complete possibili, lasciando qui sotto un commento. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *